ChateXpert
I nostri servizi di Community: videochat, forum, registrazione, ricerca prfili con foto.

chat
videochat
ingresso Community
ricerca profili
il mio profilo
registrati
forum
fotoguestbook
regolamento
siti amici

Servizi gratuiti per Webmasters

crea la tua chat
Login Webmaster
free forum
free guestbook
free newsletter
help-faq

Servizi professionali per le aziende.

LiveHelp chat
premium chat
Community engine
referenze
chi siamo
dicono di noi
assistenza online


34.408 ragazze in chat
51.611 ragazzi in chat
84.716 webmasters
45.318 chat rooms



Segui Chatexpert su Facebook!

Home » Forum » I vostri INCONTRI ??? » generalizzare non sempre è un male


 
I vostri INCONTRI ???
blade
Inviato il 31/12/2009 10.10.31
 


Spesso si dice che non bisogna generalizzare… ma secondo me bisogna invece generalizzare, anzi è doveroso, se no si corre il rischio di far credere che la maggior parte della gente sta da questa parte del confine tra bene e male… confondendo le idee ad altri fino a corromperli.
(Poiché se io credo che la gente in genere sta facendo bene, allora non c’è nulla di male, mi allineo al comportamento generale, in qualche modo…specialmente se sono uno che si fa influenzare facilmente).

Io credo invece che nel mondo capovolto nel quale viviamo (insomma il nostro non è il migliore dei mondi) bisogna generalizzare, solo le eccezioni si salvano, come è sempre stato.. fin dai tempi biblici dell’Esodo verso la terra promessa… solo un “resto” si salvava dalla corruzione e dal pervertimento dei costumi anche allora… solo pochi non tralignavano… ed erano i soli salvati dal Dio dell’Antico Testamento.

Ed è così ancora oggi, anche se bisogna fare gli opportuni distinguo tra chi esce dal seminato perché è marcio dentro, e chi perché si fa trascinare dalla corrente, però il risultato è lo stesso, cmq entrambe le categorie tralignano… per cui (a mio modesto parere), alla fine, dell’umanità si salva solo un resto, quei pochi che non sono marci dentro né si fanno trascinare dal mondo come gli altri…

Per cui generalizzare è doveroso, necessario, anche per non confondere le idee ad altra gente, diffondendo così come un’influenza il male stesso, come ho detto sopra.
È scritto che l’albero si vede dal frutto che dà, se da frutti marci bisogna tagliarlo, altrimenti come una mela marcia farà marcire anche le altre… io generalizzo eccome, e credo fermamente che dell’umanità solo una minoranza si salvi da questo mondo marcio, come è sempre stato, poi.
Quindi sto scoprendo l’acqua calda, non mi invento nulla.


Anche se sono anch’io una mela marcia ciò non mi impedisce di pensarla così
E quando parlo di corruzione mi riferisco a tutti i tipi di corruzione anche le piccole quotidiane che accettiamo regolarmente o che “subiamo”, perché oramai fanno parte del costume…
Chi non ha peccato scagli la prima pietra…


ops postatemi questa errata corrige
versione definitiva

blade
Inviato il 31/12/2009 13.55.52
 

Non generalizzando generalizziamo il male… che si diffonde a macchia d’olio, perché in qualche modo si dà l’idea che tutto va come deve andare, che tutto è giusto e naturale, anche a chi sta appena nascendo alla vita. E questo è male che genererà altri fiori del male, naturalmente.

Ci sono due canzoni di De andrè del suo bellissimo album “anime salve” scritto con Fossati, che è tutto un elogio alle alla solitudine delle anime salve…. non a caso solo chi sta lontano dal moto centripeto( dallo sguazzare nel vuoto che corrode e corrompe) del mondo può salvarsi consegnando al mondo una goccia di splendore di umanità di verità… salvandosi dal mondo e dalla sua contaminazione nefasta.
Una è “Anime salve”, laddove dice:

e che grande questo tempo che solitudine
che bella compagnia--

che solitudine, che bella compagnia ! una compagnia lontana dal mondo dalla sua contaminazione, con se stessi, salva rispetto alle cose che accadono intorno…
l’altra canzone è “Smisurata preghiera”

Smisurata preghiera

Alta sui naufragi
dai belvedere delle torri
china e distante sugli elementi del disastro
dalle cose che accadono al disopra delle parole
celebrative del nulla
lungo un facile vento
di sazietà di impunità

Sullo scandalo metallico
di armi in uso e in disuso
a guidare la colonna
di dolore e di fumo
che lascia le infinite battaglie al calar della sera
la maggioranza sta la maggioranza sta
recitando un rosario
di ambizioni meschine
di millenarie paure
di inesauribili astuzie

Coltivando tranquilla
l'orribile varietà
delle proprie superbie
la maggioranza sta
come una malattia
come una sfortuna
come un'anestesia
come un'abitudine
per chi viaggia in direzione ostinata e contraria

col suo marchio speciale di speciale disperazione
e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi
per consegnare alla morte una goccia di splendore
di umanità di verità

per chi ad Aqaba curò la lebbra con uno scettro posticcio
e seminò il suo passaggio di gelosie devastatrici e di figli
con improbabili nomi di cantanti di tango
in un vasto programma di eternità

ricorda Signore questi servi disobbedienti
alle leggi del branco
non dimenticare il loro volto
che dopo tanto sbandare
è appena giusto che la fortuna li aiuti
come una svista
come un'anomalia
come una distrazione
come un dovere

blade
Inviato il 31/12/2009 13.56.40
 
Anime salve

Mille anni al mondo mille ancora
che bell'inganno sei anima mia
e che bello il mio tempo che bella compagnia
sono giorni di finestre adornate

canti di stagione
anime salve in terra e in mare
sono state giornate furibonde
senza atti d'amore

senza calma di vento
solo passaggi e passaggi
passaggi di tempo
ore infinite come costellazioni e onde

spietate come gli occhi della memoria
altra memoria e no basta ancora
cose svanite facce e poi il futuro
i futuri incontri di belle amanti scellerate

saranno scontri
saranno cacce coi cani e coi cinghiali
saranno rincorse morsi e affanni per mille anni
mille anni al mondo mille ancora

che bell'inganno sei anima mia
e che grande il mio tempo che bella compagnia
mi sono spiato illudermi e fallire
abortire i figli come i sogni

mi sono guardato piangere in uno specchio di neve
mi sono visto che ridevo
mi sono visto di spalle che partivo
ti saluto dai paesi di domani

che sono visioni di anime contadine
in volo per il mondo
mille anni al mondo mille ancora
che bell'inganno sei anima mia

e che grande questo tempo che solitudine
che bella compagnia

Impossibile
Inviato il 31/12/2009 15.22.11
  Dissento al 100%. Mai piaciute le generalizzazioni, mai piaciuti i greggi, mai piaciuti i dogmi.

Viva gli spiriti liberi e l'individuo. L'uomo, per fortuna, è e sempre sarà una canna pensante.

“L’uomo non è che una canna, la più fragile di tutta la natura; ma è una canna pensante. Non occorre che l’universo intero si armi per annientarlo: un vapore, una goccia d’acqua è sufficiente per ucciderlo. Ma quand’anche l’universo lo schiacciasse, l’uomo sarebbe pur sempre più nobile di chi lo uccide, dal momento che egli sa di morire e il vantaggio che l’universo ha su di lui; l’universo non sa nulla. Tutta la nostra dignità sta dunque nel pensiero. E’ in virtù di esso che dobbiamo elevarci, e non nello spazio e nella durata che non sapremmo riempire. Lavoriamo dunque a ben pensare: ecco il principio della morale”.

B. Pascal

Buona giornata e buon anno a tutti,

blade
Inviato il 01/01/2010 17.50.04
 
CITAZIONE (Impossibile del 31/12/2009 15.22.11):

Dissento al 100%. Mai piaciute le generalizzazioni, mai piaciuti i greggi, mai piaciuti i dogmi.

Viva gli spiriti liberi e l'individuo. L'uomo, per fortuna, è e sempre sarà una canna pensante.

Buona giornata e buon anno a tutti,



ma infatti parlavo della massa mica dell'individuo che è un'altra cosa

per cui ribadisco, chiunque sappia un pò di bibbia o un pò di storia o abbia letto romanzi tipo "Il mondo nuovo" piuttosto che "1984", "Fahrenheit 451", etc etc

come pure chi volesse prendere spunto dal mondo, sa che la massa come il mondo è inesorabilmente perduto, solo gli individui che non seguono il branco o il mondo o la corrente che dir si voglia hanno una qualche possibilità di distinguersi e salvarsi, e sono le eccezioni, le voci fuori del coro.

i dogmi, i greggi sono consoni alle masse al branco
mai sono da attribuire all'individuo e all'individualità che si distingue.

prima di dire che tutti gli uomini siano una canna pensante ci penserei un pò...
dovrebbe essere così...
più spesso l'uomo è una canna pensante col pensiero di altri...
perciò c'è poca democrazia in giro... perchè circola il monopolio del pensiero unico...
e le dittature stanno lì a dimostrarlo come pure le false democrazie o le democrazie telegovernate.

poi la citazione di Pascal non vuole dire nulla, solo che l'uomo è la più nobile delle creature (anche se la più fragile) perchè è dotato di pensiero, che deve ben usare per
comportarsi al meglio: ecco il principio della morale.

però se l'uomo non fa un buon uso della ragione tutto va a monte

insomma solo l'uomo ha una morale, il resto del creato è dominato da leggi inviolabili, solo noi possiamo violare le leggi, perciò dobbiamo darci una morale sana per vivere in modo giusto...
al resto del creato insomma non serve l'intelligenza, perchè immediatamente sa cosa fare, in maniera naturale, non avendo scelta.
noi invece siamo come liberi di scegliere, ma così possiamo salvarci come perderci, dipende dalla via che scegliamo.

e la storia dice che l'umanità in genere(salvo pochi eletti) ne ha combinate di cotte e di crude...
infatti se oggi siamo in un mondo così non è mica colpa di Dio o di chi per Lui, ma dell'umanità stessa...

blade
Inviato il 01/01/2010 19.22.13
  anche voltaire nel suo "candido"
conclude che l'unica è coltivarsi il proprio piccolo orticello
voltando le spalle a un mondo che come la corrente si lascia trascinare dalla follia.

adesso non mi si dica che la massa è la somma delle individualità, perchè le individualità è risaputo che nella massa si alterano lascinadosi trascinare e corrompere facilmente, salvo eccezioni che però se ne guardano bene a debita distanza... dal branco dalle masse dalla corrente e dal mondo e le sue follie.

lo dico prima così non c'è bisogno di replicare dopo
addio

Salve
Inviato il 03/01/2010 1.39.27
 
CITAZIONE (blade del 01/01/2010 19.22.13):

anche voltaire nel suo "candido"
conclude che l'unica è coltivarsi il proprio piccolo orticello
voltando le spalle a un mondo che come la corrente si lascia trascinare dalla follia.

adesso non mi si dica che la massa è la somma delle individualità, perchè le individualità è risaputo che nella massa si alterano lascinadosi trascinare e corrompere facilmente, salvo eccezioni che però se ne guardano bene a debita distanza... dal branco dalle masse dalla corrente e dal mondo e le sue follie.

lo dico prima così non c'è bisogno di replicare dopo
addio


eh, addio, ormai sei andato

Impossibile
Inviato il 05/01/2010 14.45.02
 
CITAZIONE (blade del 01/01/2010 19.22.13):

anche voltaire nel suo "candido"
conclude che l'unica è coltivarsi il proprio piccolo orticello
voltando le spalle a un mondo che come la corrente si lascia trascinare dalla follia.

adesso non mi si dica che la massa è la somma delle individualità, perchè le individualità è risaputo che nella massa si alterano lascinadosi trascinare e corrompere facilmente, salvo eccezioni che però se ne guardano bene a debita distanza... dal branco dalle masse dalla corrente e dal mondo e le sue follie.

lo dico prima così non c'è bisogno di replicare dopo
addio


In effetti a volte è inutile replicare, ci pensi tu da solo :)

Proprio le parole di Voltaire da te citate mi confermano che la generalizzazione sia sbagliata e non applicabile alle canne pensanti. Coltivare il proprio orticello non è forse l'affermazione del valore dell'individuo?

Continuo a pensare che sono un privilegiato perchè posso permettermi una vita da Chinotto in un mondo di Coca e Pepsi Cola. :)
E finchè sarò Chinotto non accetterò mai le generalizzazioni. Amen :))

Buona giornata

maya
Inviato il 05/01/2010 15.46.37
  son preoccupata...
l'anno nuovo mi vede troppo daccordo con chinotto impossibile:D
Ps: tra coca cola e chinotto io bevo un sano bicchiere di lambrusco :D

Impossibile
Inviato il 08/01/2010 18.53.52
 
CITAZIONE (maya del 05/01/2010 15.46.37):

son preoccupata...
l'anno nuovo mi vede troppo daccordo con chinotto impossibile:D
Ps: tra coca cola e chinotto io bevo un sano bicchiere di lambrusco :D


Ciao Maya,

sono anch'io preoccupato :). Per fortuna tu appartieni alla categoria Lambrusco; non avrei sopportato un Chinotto di massa :)

Buon anno!



 



Tutti i diritti sul sito, sui servizi e sui software di questo sito sono di proprieta' di SOSTANZA® Web Services & Intranet Tools.
E' vietata la riproduzione, la duplicazione, il reverse engineering e l'uso di chat-client non autorizzati. privacy e cookie policy






Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social e per analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Ulteriori dettagli    CONSENTI