ChateXpert
I nostri servizi di Community: videochat, forum, registrazione, ricerca prfili con foto.

chat
videochat
ingresso Community
ricerca profili
il mio profilo
registrati
forum
fotoguestbook
regolamento
siti amici

Servizi gratuiti per Webmasters

crea la tua chat
Login Webmaster
free forum
free guestbook
free newsletter
help-faq

Servizi professionali per le aziende.

LiveHelp chat
premium chat
Community engine
referenze
chi siamo
dicono di noi
assistenza online


34.408 ragazze in chat
51.613 ragazzi in chat
84.772 webmasters
45.319 chat rooms



Segui Chatexpert su Facebook!

Home » Forum » I vostri INCONTRI ??? » Il mito del principe azzurro...


 
I vostri INCONTRI ???
Veronique
Inviato il 23/10/2019 13.34.27
  In epoca di Greta Thunberg, delle giovanissime attiviste che aderiscono al movimento #Fridayforfuture e del successo delle storie per la buonanotte per ‘Ragazze ribelli’ (in cima alla classifica dei libri più venduti in tutte le sue edizioni) si può ancora pensare che sopravviva il mito delle varie Cenerentola, Biancaneve, Bella addormentata nel bosco, Raperonzola e Pelle D’Asino? Le donne hanno ancora bisogno di un principe? Si, sostengono gli psicologi che riconoscono qualcosa di atavico e persistente nei cuori femminili, inclusi quelli delle generazioni X e Z, correlato con l’educazione familiare e con la propria rete di conoscenze. Lo scotto da pagare oggi quale sarebbe? Delusione cocente, servita su un vassoio scintillante (nozze da sogno, ad esempio).

Come inseguire i propri sogni senza cadere nel mito tossico, fake in piena regola, del Principe? Idem nel maschio alfa, sicuro di sè, l’uomo dei sogni, determinato e coraggioso, quindi sexy? Uno dei miti più intramontabili del mondo occidentale, l’uomo perfetto, non esiste, come d’altra parte si potrebbe ricordare alle stesse donne che non esistono donne perfette.

Il motto ‘Restiamo umani’ dovrebbe essere valido anche nei rapporti affettivi e, se fosse una vernice, Cupido dovrebbe immergervi la punta della sua freccia prima di scoccarla. Lo spiega bene e lo descrive con un linguaggio diretto e schietto (qualche volta perfino maschilista ma volutamente provocatorio per sua stessa ammissione) lo psicologo Giulio Cesare Giacobbe, autore del nuovo volumetto ‘Il Principe Azzurro non esiste’ (Roi Edizioni). L’esperto ricorda come le donne sottomesse agli uomini siano ancora i tre quarti del pianeta e che a non tutte è dato ricevere una educazione all’indipendenza e all’auto affermazione per motivi sociali e culturali. Nemmeno nel nostro paese.

Dove si annida il tranello che attrae anche le donne più giovani? L’esperto dà le indicazioni nel testo che sintetizziamo di seguito:

“Oggi il Principe è rappresentato dall’uomo di successo, che potrà preoccuparsi del cuore e dei bisogni femminili come primo pensiero. Invece non è così. Non esiste uomo di successo che dedichi la sua vita ad una donna. Succede invece esattamente il contrario”.

E le principesse? “Sono affette da nevrosi infantile, cioè hanno una quota di scollamento dalla realtà” chiosa lo specialista.

Come si cresce una donna libera dal mito tossico? “Le donne si sentono belle, sicure, amate, realizzate e serene se hanno ricevuto abbondanti dosi di amore e iniezioni di autostima dai genitori, non dai principi azzurri” spiega l’esperto.

Come si sconfigge il mito e ci si comporta alla pari col partner? “Facendo esperienze per conto proprio. Stando sole e libere, diventando prima adulte e poi scegliendo l’uomo considerandolo un partner alla pari. Infine non cadendo nel tranello del romanticismo da favola all’inizio della love story. Meglio puntare al feeling e al rapporto sessuale. Il romanticismo invece diventerà fondamentale più avanti negli anni, non trascuratelo in età matura”.http://www.ansa.it/canale_lifestyle/notizie/societa_diritti/2019/08/27/principe-azzurro-e-maschio-alfa-come-liberarsi-di-miti-tossici_28deb9aa-0db6-40ae-bb7a-dce5ab437667.html



 



Tutti i diritti sul sito, sui servizi e sui software di questo sito sono di proprieta' di SOSTANZA® Web Services & Intranet Tools.
E' vietata la riproduzione, la duplicazione, il reverse engineering e l'uso di chat-client non autorizzati. privacy e cookie policy






Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social e per analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Ulteriori dettagli    CONSENTI